Ricette Emilia Romagna

I piatti tipici dell’Emilia Romagna raccontati da uno chef (quasi) romagnolo

Chi è questo chef (quasi) romagnolo? Io. Sì, qui gioco in casa (o quasi), perché l’Emilia Romagna è la regione in cui vivo da anni e la sua cucina la conosco a menadito. Non chiedermi se è migliore la cucina emiliana o la cucina romagnola, non voglio inimicarmi nessuno… E poi, come si fa a scegliere? Io sono della scuola dell’Artusi – che neanche a farlo apposta era romagnolo –, e con lui dico “Amo il bello ed il buono ovunque si trovino”.

Ciò che voglio tu sappia è che i piatti tipici dell’Emilia Romagna di cui parlo in questo sito sono quelli della tradizione. Sono i piatti che cucino per la mia famiglia e per i miei amici, e se vorrai prepararli seguendo le mie ricette, spero davvero che sulla tua tavola arrivi, assieme al sapore di questa terra, tutto l’amore che ho messo nello scriverle.

Le caratteristiche della cucina emiliana e romagnola

L’antica – chiamiamola così – competizione tra emiliani e romagnoli si gioca anche in cucina ma, come ho già detto, io non assegno medaglie. Qui vorrei solo tratteggiare a grandi linee le caratteristiche della tradizione gastronomica della regione.

Comincio col dire che, in realtà, non è possibile parlare di due sole tradizioni gastronomiche. La questione è un po’ più complessa, perché ogni città dell’Emilia Romagna vanta i suoi piatti tipici, e molte ricette regionali, oltretutto, vengono reinterpretate in modo differente da una città all’altra. Prendi, per esempio, i cappelletti: sui diversi tipi di ripieno si potrebbe scrivere un saggio.

A ogni modo, se volessimo identificare tre elementi culinari comuni a tutta la regione diremmo: pasta all’uovo, ragù alla bolognese e carne di maiale.

Da provare: piadina, tigella e gnocco fritto

Gli amanti dei prodotti da panetteria trovano in Emilia Romagna il proprio paradiso gastronomico. Piadina, tigella e gnocco fritto, da farcire con formaggi, salumi e verdure, sono tre grandi protagonisti della tradizione culinaria della regione. In basso, le ricette originali per preparare queste specialità in casa.

I prodotti tipici dell’Emilia Romagna

È severamente vietato parlare di Emilia Romagna senza menzionare i suoi salumi. E no, non mi riferisco solo al Prosciutto di Parma e alla Mortadella Bologna. Questi sono i più famosi, ma il tuo palato merita di assaggiare almeno una volta nella vita queste altre delizie:

  • Culatello di Zibello DOP
  • Coppa piacentina DOP
  • Salame di Felino IGP
  • Spalla cotta di San Secondo.

I formaggi? Ecco gli imperdibili (oltre ai celeberrimi Parmigiano Reggiano e Grana Padano, che di certo già conosci):

  • Formaggio di fossa di Sogliano e Talamello DOP
  • Robiola di Castel San Giovanni
  • Pecorino dell’Appennino reggiano
  • Squacquerone di Romagna DOP
  • Raviggiolo romagnolo

Tra i prodotti tipici dell’Emilia Romagna di qualità troviamo anche l’aceto balsamico di Modena DOP e l’aceto tradizionale di Modena IGP.

Le ricette dei piatti tipici emiliani e romagnoli

Vuoi organizzare una cena a tema “Emilia Romagna”? Serviti pure! Qui trovi tutte le ricette dei piatti tipici della regione, dagli antipasti ai dessert. Le ho scritte di mio pugno dopo averle personalmente provate.
Qui leggerai le procedure spiegate passo passo e i miei consigli per portare a tavola tutto il sapore dell’Emilia Romagna.